Grafico vedustista di Sicilia

Alle belle chiese, ai monumenti e ai palazzi di questa parte di Sicilia Orientale, alterna il suo interesse verso vedute agresti di ville-masserie dei dintorni e delle zone limitrofe. Talvolta l’attenzione si sofferma su tali entità, minori come importanza, ma cariche di tutto il fascino che ne permea la nobile vetustà. Gl’importa poco andare a spaziare in luoghi lontani, per lui l’altrove è dietro l’angolo, per così dire. Si può anche materializzare fantasticando nell’osservare una vecchia casa semidiruta, assediata dalla vegetazione selvatica, lungo un viottolo di campagna. Sarà, poi, il suo tocco particolare a dare rilievo e sostanza ad un soggetto così minimalista. La profonda conoscenza che egli ha nell’ambito del giardinaggio gli consente, inoltre, di arricchire il tutto con la presenza, molto appropriata, di piante e fiori scegliendo quelli più autentici, plausibili e compatibili con la Natura e il nostro clima. Palme, pini, calle e iris quasi sempre son presenti talvolta cedendo il posto a oleandri, bouganvillee, agavi o glicini…


   


 

 


Non di rado l’autore ama indulgere su certe fantasiose ricostruzioni provando gusto ad inventare scenari, utilizzando le nostre vedute locali, e mostrando come avrebbero potuto presentarsi in modo più attraente, disseminandovi, qua e là, figure classiche, avanzi architettonici o aiuole semiabbandonate, da cui balùgina lo splendore di un perduto, ipotetico e onirico, lontanissimo tempo che fu.

Indietro Home Avanti